-

A Coazzolo fermenti d'arte tra le vigne

Golosaria | 17/03/2017 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

Dopo la panchina gigante e la chiesetta del Moscato ridipinta, in progetto un percorso con installazioni di Land art per il piccolo comune del Monferrato Astigiano

A Coazzolo fermenti d'arte tra le vigne

Chi, come noi, crede che il Monferrato con le sue colline sia già di per sé un’opera d’arte, da visitare in occasioni vive come Golosaria, non può che essere felice quando le amministrazioni dei suoi piccoli paesi decidono di valorizzare il tesoro di tanta bellezza paesaggistica.

E’ il caso di Coazzolo, piccolissimo comune del Monferrato Astigiano, 320 anime, tra Castagnole Lanze e Neive, dove negli ultimi anni stà nascendo una vera galleria d’arte a cielo aperto. Si parte dalla panchina gigante di Chris Bangle, il designer statunitense innamorato delle Langhe, che, piazzata sotto al cartello con il nome del paese, invita tutti a tornare bambini. Si prosegue con un anfiteatro naturale, realizzato senza cemento per fruire il teatro all’aria aperto, e si arriva alla chiesetta tra le vigne ridipinta dall’artista inglese David Tremlett con i colori della terra.

Ma il progetto della Giunta è di allestire un percorso di 5 km tra il paese e la chiesetta con installazioni artistiche di Land art, una forma d’arte nata negli Stati Uniti, in cui l’artista allestisce opere studiate per collocarsi in un paesaggio naturale specifico, suggerendone un’interpretazione. In questo percorso sono previsti un cerchio celtico con i punti cardinali a inquadrare il panorama, ghirlande naturali per incorniciare il tramonto, un muro con delle scritte che  accompagneranno il cammino dei visitatori e un aereo olandese della Prima Guerra Mondiale ricostruito con materiali di recupero e collocato in picchiata sopra un albero secolare sulle colline.

Ispiratore e finanziatore di tanto fermento artistico, che ha contagiato l’intero paese, è Silvano Stella, (classe 1958) ex saltatore in alto, poi designer di Robe di Kappa che, dopo anni trascorsi negli Stati Uniti, ha scelto come patria Coazzolo, paese di cui è consigliere comunale dal 2009 e in cui ha scelto di impegnarsi per portare rinnovamento… e offrire a tutti noi un motivo non solo per visitare un posto bello come il Monferrato, ma anche per tornare spesso in un luogo che si stà rinnovando.