-

Con Lauretana: il nutrimento che fa bene

Golosaria | 23/05/2018 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

A Bassano l’occasione per parlare di come stare bene a tavola e all’aria aperta. Cominciando dall’acqua

Con Lauretana: il nutrimento che fa bene

Sport, idratazione, cibo. Il benessere si legge attraverso questi tre termini. Cominciamo a raccontarvelo partendo dall’acqua e da un gesto, bere, che spesso facciamo senza neppure rendercene conto. Eppure la giusta idratazione è alla base del nostro benessere. A Golosaria l’acqua ufficiale - che troveremo negli zaini della passeggiata, ma anche a Villa Angarano e all’Hotel Alla Corte - sarà Acqua Lauretana, partner storico di Golosaria.

Lauretana, con il suo residuo fisso di soli 14 mg/l, è l’acqua più leggera d’Europa. Questo residuo fisso così basso favorisce un'elevata diuresi, l’eliminazione dei residui del metabolismo, come urea e creatinina, e aiuta a prevenire la formazione di calcoli renali. A determinare il carattere puro e leggero dell’acqua Lauretana concorrono altri valori come la durezza totale di 0,44 °F che aiuta a prevenire la formazione di calcoli renali, la quantità di Sodio - 1,0 mg/l, che la rende indicata per le diete povere di sodio e favorisce l’idratazione. Il pH a 20° C pari a 6,3 che aiuta la digestione e previene i processi di ossidazione cellulare.

L’utilizzo dell’acqua è anche importante durante l’attività sportiva: “l’acqua - consigliano gli esperti Lauretana - va bevuta con regolarità, a piccoli sorsi durante tutta la giornata, deve essere equilibrata nelle sue caratteristiche organolettiche ma anche nel gusto e soprattutto va bevuta da tutti lungo l’intero arco della vita. Un’acqua, meglio se leggera, diventa un indispensabile supporto in ogni momento della giornata, in tutte le attività che affrontiamo”.

Camminare è una di queste attività e ci riconduce al tema con cui avevamo aperto il 2018: la mobilità dolce, protagonista di Golosaria Monferrato, ma anche di Bassano, con la passeggiata golosa di 6 chilometri della mattina. Infine il cibo, che è il cuore di Golosaria, che incide sul nostro stato fisico (e mentale): a Bassano dedicheremo un approfondimento alle farine, un tassello del grande racconto che si completerà con la prossima Golosaria di Milano a fine ottobre.