-

Castell'Alfero

#castelloaperto #cultura
SABATO E DOMENICA

Castell'Alfero

EVENTI

SABATO
Dalle ore 15 alle 17 presso il Ciabot 'd Gianduja - frazione Callianetto (loc. Lovisoni)
La pro loco di Callianetto e la Famija Turineisa presentano “Gianduja al so Pais”. Gianduja, accompagnato dalla sua Giacometta e da alcune maschere del Piemonte vi aspetta nella casa natia per una rievocazione delle tradizioni storico-culturali-gastronomiche dell'anima piemontese e per una degustazione del goloso tortino Gianduja vincitore al Festival delle Sagre di Asti.

Ore 18 - Salone Verde Castello di Castell'Alfero
Presentazione del libro “La storia di ciò che mangiamo” di Renzo Pellati (vincitore del Prix de la Litèrature Gastronomique 2015 dell'Academie Internationale de la Gastronomie). Curiosità, storie, leggende, origine, ricerche, scoperte, gastronomia. Intervistato dall'editore Daniela Piazza.

DOMENICA
Castello dei conti Amico e museo etnografico 'L Ciar
- Ore 10,30 visita guidata del castello e del museo etnografico 'L CIAR. Costo della visita guidata: € 5.
- Ore 16 nella sala Verde del castello dei conti Amico avrà luogo la presentazione del libro “C'era un italiano in Argentina” di Claudio Martino e Paolo Pedrini (ed. Hever) con proiezione di immagini relative ai luoghi della vicenda e letture di P.Verlucca Frisaglia.
Intervento musicale de Il Canzoniere Monferrino con canti popolari tradizionali sull'emigrazione italiana nelle Americhe.  Letture tratte da “Sull'Oceano” di Edmondo De Amicis. Presente all'evento il gen. Meano, pronipote di Vittorio Meano, l'architetto piemontese protagonista della storia. Brindisi al termine dell'incontro.

QUANDO E INFO

SABATO
Ciabot 'd Gianduja
loc. Lovisoni -  fraz. Callianetto - per info: Comune di Castell'Alfero | tel. 0141406611

SABATO E DOMENICA
Castello dei conti Amico e Museo etnografico 'L Ciar
Ufficio Turistico di Castell'Alfero - p.zza Castello, 2  - tel. 0141406604 - www.castellalfero.net

luogo | Castello dei Conti Amico

Il centro storico è un luogo unico per panorama e caratteristiche architettoniche. Il monumento più rilevante è certo il Castello dei Conti Amico, edificato nel '700. Il castello conserva interessanti affreschi e una sala di ricevimenti con particolari pavimentazioni in ceramica dipinta settecentesca; ospita nei suoi suggestivi sotterranei il “Museo ‘l ciar”, galleria del tempo che raccoglie migliaia di oggetti e attrezzi esposti in fedeli ricostruzioni di ambienti contadini di inizio ‘900. Sull'altro lato della piazza spicca la bella chiesa parrocchiale dei S.S. Pietro e Paolo (sec. XVIII – XIX).

In collaborazione con

Con il patrocinio di

Partner eventi












Media partner