-

Albugnano

SABATO E DOMENICA

Albugnano

eventi 

• Abbazia di Vezzolano

Nei due giorni di Golosaria Monferrato, l’Abbazia di Vezzolano sarà aperta al pubblico per visite al complesso ed escursioni sui sentieri convergenti a Vezzolano.



• Cantine dei vignaioli dell’Albugnano 549


Un fine settimana di cantine da visitare, vini e specialità da degustare nei territori dell’Albugnano DOC. Degustazioni di vini accompagnate da prodotti locali a cura delle singole cantine.
Informazioni e prenotazioni sul sito www.albugnano549.it

Stampa il buono (vedi sotto) e presentalo in una delle cantine aderenti:

Azienda Agricola Alle Tre Colline, Albugnano
sabato e domenica 10-18 | info e prenotazioni: tel. 3337905376
Azienda Agricola Ca’ Mariuccia, Albugnano
sabato e domenica 10-18 | info e prenotazioni: tel. 3357507496
Cantina Mosparone, Pino d’Asti
sabato e domenica 11-18 |info e prenotazioni: tel. 3451559096
Azienda Agricola Pianfiorito, Albugnano
sabato e domenica 10 -18 |info e prenotazioni: tel. 0119920665 – 3383044006
Azienda Agricola Roggero Bruno e Marco, Albugnano
sabato 10-18 | info e prenotazioni: tel. 0119920685 3313829380
Cantina Terre dei Santi, Castelnuovo Don Bosco 
sabato 8.30 - 12.30 14.30 - 18.30 domenica 8.30-12.30 | info e prenotazioni: tel. 0119876117
Azienda Agricola Cascina Quarino, Aramengo
domenica  10.30 – 12.30  15.00 – 18.00 | info e prenotazioni: tel. 0141 909127 – 320 0488463

L’Associazione Albugnano 549 Vignaioli Albugnano DOC
Dai 549 metri di altezza di Albugnano si vedono le colline del Monferrato Astigiano e in lontananza la Basilica di Superga e gran parte dell’arco alpino occidentale.
Qui, nel 2017, è nata l’associazione Albugnano 549 (549 è l’altezza slm del Comune di Albugnano) che riunisce 13 produttori dei quattro comuni della DOC (Albugnano, Pino d’Asti, Castelnuovo Don Bosco e Passerano Marmorito) impegnati nel consolidare e promuovere l’identità enologica, storica e culturale del territorio di produzione dell’Albugnano DOC.
I primi documenti che parlano dei vini di Albugnano sono del 1148: per molti secoli la storia di questi vini e quella della Canonica di Vezzolano e dei suoi abati si intrecciano come viticci conoscendo un successo crescente, in particolare tra l’aristocrazia sabauda. 
Nel 1868 il Nebbiolo spumante di Albugnano viene premiato in un’importante esposizione tenuta ad Asti. Passaggio fondamentale è il riconoscimento della DOC, Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 1997. L’Albugnano è DOC da oltre vent’anni, questo è il miglior punto di partenza per un nuovo e grande futuro.

info 

Abbazia di Vezzolano 
loc. Vezzolano, 35 
Associazione Incollina - Turismo nel cuore del Piemonte
Ufficio Informazioni turistiche - cell. 3331365812 
www.turismoincollina.it - infopoint@turismoincollina.it - www.vezzolano.it
Associazione Albugnano 549

Referente: Andrea Maria Pirollo - cell. 348 2280993
www.albugnano549.it

luoghi | Abbazia di Vezzolano

La canonica di Santa Maria in Vezzolano, anche indicata come Abbazia,  è uno dei monumenti in stile romanico e gotico più rilevanti dell’Italia settentrionale.  La tradizione riporta la sua origine a Carlo Magno, al quale si narra fossero apparsi nella foresta di Vezzolano tre scheletri a monito della caducità della vita. Ricevuto soccorso da un eremita, Carlo Magno rivolse le sue preghiere alla Vergine, nel cui nome decise di far erigere un luogo di culto. L’episodio è ricordato in uno degli affreschi del chiosto (“Contrasto fra i tre vivi e i tre morti”), risalente al XIII secolo come il ciclo degli altri affreschi al quale appartiene. Al di là della tradizione, è probabile che un luogo di preghiera fosse qui già esistente in epoca Longobarda, sebbene documentato dal XI secolo come complesso monastico. Fra le rilevanze architettoniche e artistiche, si segnala l’alternanza di mattoni e pietra arenaria, ricca di fossili marini, con valenza simbolica cristologica. Inoltre, si segnala la facciata composita e abbellita da sculture e lunette. Elemento fortemente rilevante è il tramezzo interno in altorilievo policromo, che un tempo separava lo spazio destinato al clero da quello riservato ai fedeli. La sala capitolare ospita una mostra fotografica permanente sulle chiese medievali astigiane. In una sala limitrofa è allestita la mostra “La Luna, la Vergine e l’Astronomia Medievale”.