Sabato il talk e domenica la presentazione del Manifesto con la firma dei negozi del Golosario

 La Colleganza diventa un manifesto che abbiamo individuato non come un semplice proclama di intenti ma come vero e proprio modello per la ripartenza dopo la Pandemia. La spinta propulsiva di questo concetto sarà al centro di Golosaria Milano 2021 e sarà declinata in due appuntamenti principali: il talk di inaugurazione, sabato 6 novembre alle 16 sul palco principale della rassegna, e la presentazione vera e propria del Manifesto, domenica 7 a partire dalle ore 14.30.

In entrambe le occasioni avremo modo di parlarne in modo approfondito con un parterre importante. Sabato ci saranno con noi sul palco alcune delle case history più interessanti che abbiamo individuato come la Latteria San Pietro di Goito (Mn), La Bursch di Oretto a Campiglia Cervo (Bi), Francesco Tava di Mori (Tn), insieme al professor Massimo Folador e Carlo Montalbetti di Comieco. Ad introdurli Tessa Gelisio e Paolo Massobrio. Questa sarà anche l’occasione per consegnare il riconoscimento del Golosario alle realtà della colleganza più interessanti scovate durante l’anno e alle attività impegnate nel sociale.

Domenica a partire dalle 14.30 invece ad essere protagonista sarà il Manifesto della Colleganza che sarà presentato da Paolo Massobrio insieme all’esperto di marketing Mario Sala che ha teorizzato proprio la colleganza come mezzo per incrementare la propria attività. Il parterre sarà costituito dalle botteghe del Golosario. Le migliori gastronomie, pasticcerie, gelaterie, botteghe del formaggio, macellerie, boutique del gusto, gelaterie, panetterie, enoteche con ristoro e tutti gli operatori che vogliono essere con noi in questo progetto potranno apporre simbolicamente la loro firma sul Manifesto che idealmente segue quello della Bottega Italiana presentato nel 2018.