-

A Golosaria, la riscossa dell'olio extravergine

Golosaria | 13/03/2019 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

In un'annata difficile per l'olio italiano, avremo una significativa presenza

A Golosaria, la riscossa dell'olio extravergine

Un'annata non facile questa per l'olivicoltura italiana, con una previsione del 50% in meno rispetto all'anno precedente, a causa dell'andamento climatico altalenante con gelate, bombe d'acqua, venti forti ed elevata umidità che ha favorito lo sviluppo di patogeni e parassiti andando a incidere pesantemente sulla produzione in termini di quantità e di qualità.

Nonostante ciò, chi ha preso le corrette contromisure, adottando tecniche razionali di coltivazione, facendo adeguati monitoraggi aziendali, ha potuto salvare il raccolto e mantenere le rese finali simili a quelle degli anni passati e con una qualità apprezzabile.

Ciò sarà riscontrabile a Golosaria Monferrato dove, tra gli espositori di Casale Monferrato, si contano sei realtà olivicole di varie zone d'Italia. Tre arrivano dalla Liguria: Canaiella da Savona con il suo olio extravergine biologico monovarietale da Taggiasca Cru Canaiella Dop Riviera Ligure - Riviera del Ponente Savonese; il Frantoio Elena Luigi da San Bartolomeo al Mare (Im) che trasforma olive di cultivar Taggiasca in olio extravergine, olive in salamoia, snocciolate e pasta di olive e poi a Golosaria proporrà anche pesto, crema di carciofi, di noci e antipasti; Novaro di Imperia con il suo extravergine da Taggiasca, paté di olive taggiasche, olive taggiasche in olio, conserve e i condimenti.

È di Salò (Bs) la Società Agricola Rocca Pietro e Rita con il suo extravergine Rocca Dop Garda Bresciano. Giunge dall'Umbria la F.lli Tocchio, impegnata da mezzo secolo a produrre olio extravergine di qualità da olive di sei cultivar differenti: Moraiolo, Leccino, Frantoio, Leccio del Corno, oltre agli “importati” dal Sud Italia, Peranzana e Gentile di Larino.

Il Frantoio Pedicone, infine, è abruzzese (da Bellante) e a Golosaria presenterà i due oli monovarietali (rispettivamente da cultivar Ascolana e Tortiglione, quest’ultimo prodotto in regime bio), i blend e gli oli aromatizzati.

Tutti da scoprire a Golosaria il 30 e 31 marzo al Castello di Casale Monferrato.