-

In tour tra le Big Bench

Golosaria | 16/09/2020 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

A Golosaria con gli itinerari alla scoperta delle panchine giganti del Monferrato

In tour tra le Big Bench

Anche il Monferrato si costella di “Big Bench”. Dopo il debutto nel cuneese, le panchine giganti conquistano a ritmo serrato gli spazi più suggestivi anche delle province di Alessandria e Asti, portando su percorsi - anche i meno conosciuti - centinaia di turisti e curiosi pronti a timbrare uno speciale passaporto riservato ai “panchinisti” più agguerriti. 

Da Castelnuovo don Bosco a Grazzano Badoglio, passando per Rosignano e Vignale Monferrato. Saranno molte e coloratissime le installazioni del circuito promosso dal Big Bench Community Project dell’artista Christ Bangle (nella foto) che nei due weekend di Golosaria permetteranno ai visitatori di Golosaria di ammirare i paesaggi monferrini dall’alto di scorci suggestivi e panoramici. 

Eccone alcune.

Rosignano Monferrato
Uno dei borghi più interessanti del Monferrato che ospita il castello di Uviglie, dove sabato 19 e domenica 20 settembre Golosaria celebrerà il connubio tra Barbera&Champagne, con assaggi di bollicine italiane e francesi ma anche dei grandi rossi del Monferrato. Come il “Rosso Grignolino” che dà il nome alla big bench inserita dal 2017 in quest’area, la numero 41, immersa tra i vigneti nei pressi di Madonna delle Grazie. Da qui godrete di una vista privilegiata sulle colline del Basso Monferrato, fino alle montagne. 

Castelnuovo don Bosco
E’ il paese noto per aver dato i natali a San Giovanni Bosco e per la presenza del sontuoso Santuario dedicato al Santo. A Golosaria, domenica 20 settembre, il suggestivo borgo si potrà visitare in occasione del percorso panoramico con partenza da Castelnuovo e arrivo a Vezzolano, mettendo in conto una tappa alla big bench color verderame, la numero 38, inaugurata nel 2017 tra le vigne di Freisa del Nord Astigiano nell’azienda vitivinicola Tenuta Tamburnin. 

Grazzano Badoglio
È il paese che ospita la tomba di Aleramo, e che da tradizione ospita la cerimonia di chiusura di Golosaria, con il taglio della torta a forma di ferro di cavallo dedicata proprio al marchese da cui nacque il Monferrato. I suoi monumenti e la sua gastronomia si potranno scoprire in entrambi i weekend di Golosaria. Con una sosta d’obbligo alla panchina gigante numero 91, di color rosso fuoco, inaugurata lo scorso luglio e dedicata ad Alasia, la donna per l’amore della quale Aleramo diede vita al Monferrato. La trovate in Contrada Cornaleto, sui vigneti dei fratelli Botto da cui potrete ammirare i filari di tutti i produttori di Grazzano Badoglio. 

Vignale Monferrato
Anche Vignale conquista la sua big bench, la numero 107, di color arancione, immersa nei vigneti dell’azienda vitivinicola di Ermanno Accornero. Inaugurata il 7 agosto, si trova in una posizione panoramica, pressoché al confine tra le province di Alessandria e Asti, affacciata sui paesi di Olivola e Frassinello. Da cercare prima (o dopo) la sosta a Vignale, che si animerà nel secondo weekend di Golosaria con iniziative che avranno il loro culmine domenica 20, con la premiazione del Conscorso “Monferace”, la presentazione degli “Amici del Grignolino 2020” e le degustazioni di Grignolino dei migliori produttori del Monferrato. 

Alcune delle altre Big Bench in Monferrato (clicca qui per consultare la  mappa)

• Aramengo (nr. 90)
• Calliano (nr. 68)
• Costigliole d’Asti (nr. 18)
• Cuccaro Monferrato (nr. 99)
• Lu Monferrato (nr. 98)
• Odalengo Grande (nr. 113)
• Passerano Marmorito (nr. 61)
• Sala Monferrato (nr. 48)
• San Salvatore Monferrato (nr. 92) 
• Tonco (nr. 60)
• Villa San Secondo (nr. 69)