-

Birra: è questione di stile

Golosaria | 16/11/2020 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

Birre artigianali protagoniste a Golosaria Fiera Online

Birra: è questione di stile

“Vuoi una bionda o una rossa?”
Da qualche anno, per fortuna, questa domanda (tipo “bianco o rosso” per il vino) è sempre meno frequente, sostituita da una proposta ben più articolata. Ovviamente stiamo parlando di birre. L'Italia ha conosciuto una vera e propria rivoluzione artigianale, che ci ha portato ad avere quasi un migliaio di birrifici artigianali, che fanno della distinzione la loro peculiarità.

Questo fenomeno ha contribuito a far crescere enormemente la cultura birraria del nostro Paese. Lo vediamo tanto nei pub delle principali città italiane, che hanno moltiplicato le loro spine, quanto nei bar di paese, dove spesso si può trovare qualche bottiglia artigianale. Ma anche nella proliferazione delle tap room dei birrifici, per incontrare di persona il mastro birraio o, all'opposto, la presenza di qualche birrificio artigianale sugli scaffali della GDO (o addirittura tra gli spot della TV generalista, come successo recentemente per la Nazionale di Baladin).

Golosaria Fiera Online è anche l'occasione per conoscere meglio questo mondo in continuo “fermento", grazie alla presenza di alcuni tra i più importanti birrifici italiani.



Birra Elvo
Sono tantissimi i fan di questo birrificio, famoso per le sue birre a bassa fermentazione. D'altronde arrivano da Graglia, il paese dell’acqua più leggera d’Europa (Lauretana), e ben sappiamo quanto sia importante la qualità dell'acqua per questa tipologia di birre. Da non perdere la Pils (paradigmatica), ma anche la splendida Marzen con i suoi toni caramellati e la Schwarz, che sfata per sempre il falso mito delle scure difficili da bere.



Birrificio Artigianale Abbà
Birre distintive significa anche utilizzare con maestria i prodotti del territorio. È quello che fa dal 2005 Vittorio Celidonio a Livorno Ferraris, nel cuore della Grangia Vercellese. Spazio dunque alle grandi potenzialità del riso nella produzione brassicola. Da assaggiare la Farinela, birra chiara ad alta fermentazione o la Long Summer Ale, caratterizzata da un sorso fresco e note agrumate, ma sono una decina le referenze.



Mastri Birrai Umbri
A proposito di birre artigianali di facile reperibilità nella GDO, ecco le referenze di Mastri Birrai Umbri. Un progetto nato nel 2009 con la finalità di realizzare birre a filiera corta che rispecchiassero un territorio come l’Umbria. Così da 1.000 ettari di terreno coltivati a farro, orzo, grano, cicerchie e lenticchie vengono in parte le materie prime con cui Pompeo Farchioni, appartenente a un’antica famiglia di produttori di olio umbro, prepara le sue birre, con il supporto del maestro birraio Michele Sensidoni. Le più popolari sono la serie Cotta, le più ricercate invece, sono le Monkey. Da provare anche le due Italian Grape Ale: la Vinea, che unisce la fragranza del malto chiaro alla complessità del mosto di Moscato, e la Evoca con mosto di Sagrantino.



La Piazza
Piazza dei Mestieri è un bellissimo progetto di inclusione sociale, che coinvolge centinaia di ragazzi di Torino a rischio marginalità insegnano mestieri artigiani, dal fornaio al pasticciere, passando per la birra artigianale. Le birre si possono assaggiare anche nel loro brewpub, e acquistare online. I risultati sono eccellenti. Ne citiamo un paio, della nostra predilezione: la Chagall, corposa doppelbock, persistente nelle note di frutta rossa e caramello (birra imperdibile, al pari dell'American Jasper secondo la Guida alle birre d’Italia 2021” e la Chellerina, Vienna Lager nata dalla ricetta comune di quattro birrifici torinesi (e per questo rinominata “Turin Lager”).

LINK STORE
- Birra Elvo
- Birrificio Artigianale Abbà
- Mastri Birrai Umbri
- La Piazza

condividi

facebook twitter google plus LinkedIn