-

Le prime adesioni a Golosaria Padova

Paolo Massobrio | 05/04/2017 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

Cresce la voglia di Golosaria in Veneto, e fioccano le adesioni di produttori e cantine eccellenti

Le prime adesioni a Golosaria Padova

La campagna per costruire l’evento di Padova è appena partita e le realtà che immediatamente hanno dato la loro adesione sono tante e diverse. La prima, che ci onora, è Diemme Caffè, una torrefazione di Padova, che ha una lunga e bellissima storia, legata alla famiglia Dubbini, che dà il nome anche a una linea di caffè che si gusta nei bar e nelle pasticcerie. E a proposito di pasticcerie, avremo modo di parlare della Pazientina e del primato della pasticceria padovana, che si materializzerà anche a Golosaria.

Ci saranno le aziende dei vini dei Colli Euganei, ovviamente, e già i primi nomi sono quelli dell’eccellenza che abbiamo conosciuto. Ma a sorpresa anche Marisa Cuomo, che fa un vino bianco a Furore, sulla Costiera Amalfitana, ha deciso di venire a Padova a promuovere il suo vino. E così la Tenuta Stella, che ha sede a Dolegna del Collio, ma il cuore nel padovano essendo il gioiello della famiglia Stevanato, che da sempre fa il tifo per Golosaria.

Da Venezia arriverà a Padova il Pastificio Giacomo Rizzo, mentre dal Trentino avremo la sorpresa di avere con noi Tullio Valcanover di Cà dei Baghi, con i suoi succhi a base di mele e le novità dell’Osteria Morelli. Arriveranno anche da Bassano del Grappa, botteghe e produttori, memori del successo di Golosaria lo scorso anno.

Ma intanto ha già dato la sua adesione il pluripremiato caseificio Castellan Urbano di Rosà (Vi), mentre sarà un onore ospitare le Marmellate di Rosi, una delle realtà che abbiamo portato in Giappone a novembre e che fa prodotti spettacolari. Ci saranno i liquori di Donna Frida, i prodotti della macelleria Diego di Vigonza (Pd), i dolci della pasticceria Pinel di Jesolo (Ve).

Altri della prima ora: Barbieri di Altomonte con i prodotti della sua Calabria; le mostarde di Luvirie; i salumi marchigiani di Mezzaluna ed emiliani di Croce e Delizia. Esordisce a Golosaria l’azienda San Pio X con condimenti, risotti ed erbe, e torna la Balsameria Casa Lovato.

Sul fronte vini, sarà un onore assaggiare i campioni di Bekeke di Roncade (Tv), top dei top di Golosaria 2016, ma anche l’Amarone prodotto a Tregnago da Cà dei Conti. Dal Piemonte è in arrivo Olivero, una chicca da conoscere, mentre dal Piacentino ci onora Mossi dalla Val Tidone. Quindi la Tenuta Colombarda di Cesena e il Consorzio dei Vini Mantovani che porteranno la briosità del Lambrusco a Padova.

Queste le prime adesioni ufficiali, ma le mail di prenotazione sono già molte, e soprattutto si configura un exploit di Cucine di strada mai viste. E anche sul fronte delle acque minerali, avremo modo di conoscere Lauretana, l’acqua più leggera d’Europa.