-

Tre nuove soste golose in città

Paolo Massobrio | 27/04/2017 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

Padova e la sua cucina è per noi una continua sorpresa. Come le tre che vi raccontiamo qui

Tre nuove soste golose in città

La prima è in un locale giovane e dall'impostazione moderna, nella zona dell'aeroporto di Padova (via Sorio, 89 - tel. 049 8713722). Si chiama Gino's e offre tanti piatti unici a base di carne. Il piatto più gettonato è il Gino’s burger, con manzo cotto rosa servito con patate schiacciate, bruscandoli e stracciatella pugliese. Seguito dalla Gino’s tartara con salsa leggera all’uovo, ricotta fresca, polvere di pomodori secchi e basilico e dalle specialità alla griglia come angus, scottona prussiana e fiorentina. Ma ci sono anche alcuni piatti di pesce e intriganti dolci finali. Il tutto accompagnato da una selezione di altissimo livello di vini (molti anche al bicchiere) e di superalcolici. Per leggere l'articolo completo clicca qui.

Per chi predilige una formula più classica ecco, nella parte antica di Padova, il ristorante Mario & Mercedes (via S. Giovanni di Verdara, 13 - tel. 049 8719731). Nella sala elegante con il bel dehors, di fronte a una griglia che promette specialità si assaggiano sarde in saor, gnocchi al ragù bianco, pasta e fagioli e bigoli. Fra i secondi noi abbiamo gustato un'ottima faraona in agrodolce con uvetta e pinoli e lo stinco di agnello al curry e cipolla cotto in casseruola, ma il menu annovera anche fegato di vitello alla venziana, grigliata e a qualche altra portata sfiziosa. Dopo un semifreddo o una crostata uscirete con il sorriso.

Per gli amanti della cucina di mare, si va invece Al Cicheto in via Savonarola 59 (tel. 049 8719794). Dall'ampio menu potrete scegliere agli antipasti la battuta di ricciola con burrata e bottarga di muggine piccante o il gamberone in crosta di melanzane su burrata e salsa alla pizzaiola. Ai primi i paccheri alla carbonara con crostacei, i bigoli alla puttanesca di tonno, la fregola sarda con vongole e zucchine. Mentre ai secondi meritano la frittura di scampi, il filetto di ombrina in crosta di olive e la catalana di astice, scampi e gamberoni. I plus? La possibilità di ordinare mezze porzioni al 75% del prezzo originale e i menu degustazione a 40 o 50 euro con 5 o 6 portate con materie prime di buona qualità. 

Padova arriviamo!