-

Golosaria: clamorosa convenzione con Notre Dame de Paris

Golosaria | 17/05/2017 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

La celebre opera sarà in scena in Fiera nei giorni di Golosaria

Golosaria: clamorosa convenzione con Notre Dame de Paris

È l’opera moderna più famosa al mondo. Dopo quasi mille repliche in 11 anni - con oltre 2.500.000 spettatori – e una pausa durata 4 stagioni, lo scorso anno è ripreso il tour di Notre Dame Paris, che porta innanzitutto la firma inconfondibile di Riccardo Cocciante per le musiche. Dal 26 maggio, in concomitanza con Golosaria, sarà a Padova, alla Patavium Arena, presso la Fiera, con il cast storico e in una rinnovata ed inedita edizione, grazie ad una particolare riconfigurazione teatrale. 

Per la community di Golosaria, infatti, lo spettacolo di domenica sarà proposto ad un prezzo davvero speciale: € 25 la platea numerata (invece che € 63,50) e € 20 la tribuna numerata (invece che € 48,50). I bambini dai 6 ai 12 anni, invece, potranno acquistare il biglietto al prezzo di € 10, per entrambi gli ordini di posto. Mentre per tutti gli spettatori dell'opera sarà possibile entrare a Golosaria a prezzo ridotto (€ 5) mostrando il biglietto dello spettacolo. 

Per ottenere il codice il codice sconto (da utilizzare online), compila subito il form

Notre Dame de Paris è il frutto di un’alchimia unica, e forse irripetibile: le musiche di Riccardo Cocciante, definite da tutti sublimi, sposano le parole, che raccontano una storia emozionante, scritte da Luc Plamondon e, nella versione Italiana, da Pasquale Panella; le coreografie ed i movimenti in scena sono curati da Martino Muller; i costumi sono di Fred Sathal e le scene di Christian Ratz; diretti magistralmente dal regista Gilles Maheu: un team di artisti di primo livello che hanno reso quest'opera un assoluto capolavoro. 

"Sono passati quasi 18 anni dalla prima di Notre Dame De Paris a Parigi e circa 14 anni dalla prima romana della bellissima versione in italiano, ma sembra che tutto sia accaduto solo ieri” racconta David Zard, produttore dell’opera. “É un’opera che ha aperto al pubblico italiano il piacere di andare a teatro e godere di uno spettacolo totalizzante, che soddisfa il cuore, l’occhio e l’orecchio. I suoi numeri da record sono irraggiungibili, così come l’entusiasmo manifestato dal pubblico all’annuncio della ripresa degli spettacoli, dopo quattro anni di sosta”.