-

Questa Golosaria la dedichiamo a Maestri

Paolo Massobrio | 01/03/2019 Stampa STAMPA
Invia INVIA
Invia questa pagina a:


INVIA

Lo storico scomparso lo scorso ottobre sarà ricordato a Golosaria

Questa Golosaria la dedichiamo a Maestri

E’ idealmente dedicata a Roberto Maestri questa edizione di Golosaria. Roberto era un amico, che 13 anni fa concepì con noi l’idea di partire dal Monferrato facendo conoscere la sua storia fantastica, che dal 1200 in poi ha iniziato a giocare sugli assi dei grandi poteri europei. Io lo stavo ad ascoltare affascinato: la sua passione per la storia, e soprattutto per le vicende degli Aleramici e dei Paleologi mi stava facendo capire perché questa era una delle terre più castellate d’Europa.

Così ogni anno, a partire dalla prima edizione che evocò la figura di Anne D’Alencon, portammo alla ribalta personaggi e pezzi di storia, che piano piano ci condussero persino a Mantova, nel 2010, con un’edizione speciale di Golosaria fra quei paesi.

Roberto ci ha lasciati proprio tornando da Mantova, la sera del 21 ottobre: un frontale con un’auto. E’ morto sul colpo. Ora, dire che mi manca il suo dialogo, è quasi pleonastico e ancora non mi capacito di questa assenza, che tuttavia ha lasciato al presente un lavoro enorme circa le tracce della nostra identità.

Lo ricorderemo tuttavia domenica alle 15.30 a Portacomaro (At), dove gli amici della Bottega del Grignolino con la nostra Cinzia Montagna hanno organizzato l'evento: “Il Monferrato, Aleramo e Adelasia” presentazione deli libro Aleramo e Adelasia ristampa di una novella di Matteo Bandelo che narra la storia d'amora tra Aleramo e Adelasia e le origini del Monferrato.

Intervengono Carlo Cerrato, Scritturapura editore, e Cinzia Montagna, in rappresentanza del circolo culturale Marchesi del Monferrato. E vi aspettiamo in tanti. Ciao Roberto!